Ricerca per:

Etica e Poetica – nel marketing e nelle vendite

Senza scomodare James Hillman, che immagina la mente con una “base poetica” che, come tale, non è fondata sulle microstrutture del cervello o del linguaggio o Aristotele, che nel suo trattato “La Poetica” propone un’analisi dell’arte distinta dall’etica e dalla morale mi sono posto alcune domande su etica e poetica nel mondo del lavoro. O meglio, nel marketing o nelle vendite.

Maggiori informazioni

Creare una rete vendita di successo

Ultimamente ho partecipato a diversi incontri, durante i quali mi è stato chiesto quali siano i passi necessari per creare una rete vendita di successo. 

Premesso che questa è una delle nostre attività professionali, rispondo qui a quanti mi abbiano chiesto consigli e suggerimenti lasciando alcune idee di partenza, che consentano di evitare gli errori più frequenti in neo-imprenditori alle prese con la creazione dal nulla di una rete vendita.

Alcuni di questi suggerimenti sono validi anche per chi debba più “semplicemente” ampliarne o ridefinirne una già operativa.

Maggiori informazioni

Chi domanda …comanda!

“Chi domanda comanda” è un detto vecchio nel mondo delle vendite e della comunicazione (interpersonale), ma mi rendo conto che molti venditori lo hanno dimenticato, ed altri non lo hanno mai imparato.

Uno degli errori più frequenti in venditori “vecchio stampo” o impreparati, è quello di aggredire il potenziale cliente magnificando le qualità del servizio/prodotto proposto; ma ti sei accertato che quanto proponi sia di reale interesse o utilità per il tuo interlocutore?

Maggiori informazioni

Frasi killer e parole nere

Voi comprereste qualcosa da chi vi dice “le rubo..” e vi affidereste ad un consulente che vi dice “quando si verifica un problema…” ? Io no, di problemi ne ho abbastanza di miei senza che un “ladro” me ne venga a proporre altri.

Basterebbe che molti venditori si soffermassero un momento a considerare il possibile effetto del loro (sbagliato) disco di vendita, per evitare le parole e le frasi killer che generano nel cliente un’immagine mentale negativa e impediscono la vendita. Neurovendita e psicologia lo possono spiegare meglio, ma anche il caro vecchio buon senso ci dovrebbe bloccare prima di pronunciare certe parole. 

Maggiori informazioni